I colori nella grafica

10 Marzo 2020

In questo articolo:

Una riordinata al “cassetto degli attrezzi” ogni tanto fa bene. Riposti e dimenticati da tempo riaffiorano a suggerirci non solo un modo più agevole di fare le cose ma a volte perfino a stimolare nuove idee. Così succede coi colori, veri e propri strumenti della grafica. Spezziamo la routine allora e scopriamo come usare in modo migliore i colori nella comunicazione grafica

I colori sono strumenti della comunicazione

È così che dovrebbero essere intesi o, meglio, come un insieme di strumenti nelle proprie infinite varianti di luminosità, saturazione (vivacità) e armonie (combinazioni di colori diversi).

Questo articolo vuole proporre una spiegazione teorica seguita da alcuni esempi pratici di uso del colore nella comunicazione grafica.

Foto di Felix Dubois-Robert su Unsplash

L’importanza del colore nella grafica e non solo

Il mondo non è in bianco e nero. Conoscere i colori e il come metterli assieme aiuta a comprendere la realtà o ad usarla per migliorare la comunicazione grafica e artistica in generale.

È facile individuare qualcuno che non ha molta dimestichezza nell’uso del colore: tende a usare sempre gli stessi e tende a creare degli abbinamenti sempre molto prudenti ed equilibrati.

Si assiste così al sopravvento delle “mode” che sono un sostituto nel vestire, nella grafica, nell’architettura ecc. alla reale capacità compositiva.

Di solito chi non padroneggia bene i colori esprime delle preferenze come “il rosso non mi piace”, giudizio che va tradotto con “il colore rosso non lo so usare”.

Ma se dovessimo comunicare nel modo più efficace e diretto, non dovremmo avere “colori preferiti” ma dovremmo saper associare a un preciso messaggio un preciso colore o armonia.

Così come un falegname per fare un preciso intaglio sceglie una determinata lama, il pubblicitario o il grafico, se vuole comunicare un preciso concetto, deve saper scegliere il colore giusto o l’armonia giusta.

Un professionista della grafica non ha un colore preferito. Un professionista ha il suo set di attrezzi e sceglie quello giusto per quel preciso lavoro.

Un percorso che proseguirà poi con le opportune scelte grafiche, tipografiche e di stampa per produrre un lavoro finito professionale.

Il logo in senso stretto non è pubblicità ma partendo da questi esempi è più facile evincere il senso dell’uso del colore nel messaggio. Le banche usano di solito uno o due colori ma vi sono dei casi un po’ più originali dove si osa aggiungere un po’ di vivacità come negli archi del logo Intesa Sanpaolo il cui intento è forse quello di rendere più amichevole e un po’ meno “business” il messaggio aziendale. Azzurro e verde scuro dominano col loro senso di fiducia e stabilità ma l’accostamento di rosso col nero è anch’esso ritenuto un messaggio di solidità magari con una tocco di aggressività (verso il mercato?) in più.

Colori nella grafica. Colori singoli e armonie

Allora, come associare il colore giusto al lavoro che stiamo facendo? Sì, l’avrai già sentita: il blu significa affidabilità, l’azzurro spiritualità, un certo tipo di verde è collegato a prodotti relativi alla medicina e alla salute, il rosso è passionale e potente, il nero è esclusivo e lussuoso…

Tutto giusto ma piuttosto limitante e vorrei perciò andare un po’ oltre, provando a esplorare delle armonie: insiemi di colori valutati nel loro assieme.

Lo farò senza tante chiacchiere ma con degli esempi dai migliori professionisti.

Troverete alcune soluzioni che pur applicando i principi di base sanno uscire dagli schemi e proporre qualcosa che colpisce e suscita interesse. Procediamo quindi.

Gli esempi

Tra le agenzie pubblicitarie che più mostrano maestria, scelte temerarie ma allo stesso tempo producono lavori sempre pervasi da un elevato senso di razionalità nell’uso del colore, vi è Hornall Anderson.

Mi piace la loro grafica e penso abbiano qualcosa da insegnarci. Ecco alcuni loro lavori.

colori nella pubblicità - esempi

Colori caldi per prodotti e servizi legati al mondo del cibo e in particolare alla panificazione. Una scelta abbastanza prudente. In questo primo esempio HA non si è sbilanciato molto devo dire ma è solo l’inizio della mia carrellata.
colori nella pubblicità - esempi

Qui si fa più interessante. I prodotti medici e i servizi di ricerca fanno spesso uso di questo tipo di verde. La trovata più interessante è l’abbinamento a questo fondo nero che dà un forte senso di analisi scientifica e precisione tecnica. E, se vogliamo esaminare la cosa anche più a fondo, non si tratta di un nero qualsiasi ma un nero “caldo” che accentua il contrasto coi colori verdi freddi.

Il violetto, essendo un colore praticamente complementare al verde dei carciofi non fa altro che enfatizzare il prodotto e il suo senso di freschezza

I prodotti bio usano il verde, gli altri, i modo piuttosto insolito per il prodotto in questione, usano il blu. Mi permetto di giudicare la scelta di questo blu un po’ discutibile ma l’esempio è ugualmente esplicativo di come il colore sia usato per creare una netta distinzione.
colori nella pubblicità - esempi

5 prodotti diversi dello stesso brand. Notare come il minimo comune denominatore sia strettamente mantenuto dalla grafica a triangoli mentre completamente diversi sono i colori. Caldi e “famigliari” per il cibo per cani, quelli del vino e dello yogurt di mirtilli rafforzano il senso del prodotto mentre per l’acqua l’azzurro, simbolo di purezza e freschezza, è un classico.

Altri esempi

Per evitare di essere giudicato un “adepto” di Hornall Anderson, ecco alcuni altri esempi raccolti sulla rete.

Il bianco è purezza, naturalezza, normalità. Campagna Real Beauty – Dove. Senso enfatizzato dal contrasto con le carnagioni che fanno da giusto contrappunto coi diversi toni di “rosa-marrone”.

Femminile al 100%. Maschi vietati. Forse il rosa è il colore più femminile che esiste nel nostro immaginario anche se sono state di moda magliette rosa per i maschi fino a qualche anno fa. Ma l’associazione col giallo e l’azzurro riesce quasi a capovolgere quel significato rendendolo assai più trasgressivo di quanto tradizionalmente lo si intenda.

Un azzurro-grigio patriottico desaturato. Accostamento molto prudente, volutamente istituzionale e conservatore a esprimere valori tradizionali.

Il verde Heineken col rosso del logo capaci di piazzarci un gradevole pugno in faccia e creare un brand dove il senso del colore prevale sugli elementi grafici

I colori nella grafica. Conclusioni

Abbiamo esaminato diversi casi e potremmo continuare.

Qual è il modo più semplice di trovare un’armonia? Tirando le somme, grazie agli esempi appena visti, una volta trovato il giusto colore dominante (trovato o imposto dal brand o dallo stile pre-esistente), affiancarle un secondo o un terzo simile od opposto.

Non dovremmo essere troppo schematici e logici: potremmo provare a capovolgerne o intensificarne il significato tradizionale di un colore.

Ognuno degli esempi indicati ha un colore che fa da padrone, che determina la sensazione generale e ne usa altri che ne fanno da contrappunto o da complemento, spesso in modo inaspettato e che amplificano la sensazione principale.

Le armonie hanno di solito un colore dominante, questo crea un certo dinamismo ed esprime il significato portante o serve a indirizzare l’attenzione.

Perciò è corretto cavalcare l’uso del colore nel suo stretto significato ma l’aggiunta di un elemento estraneo potrebbe essere efficacissimo nel creare interesse su qualcosa che potrebbe risultare altrimenti troppo scontato.

Il rosso sembra più rosso se vi associamo un pizzico di azzurro o verde. Il giallo più giallo se è vicino al viola o al blu, ecc. Associando colori vicini od opposti della ruota dei colori accentuiamo o riduciamo l’effetto.

Più che darti una precisa equazione colore = sensazione, di cui si può trovare una infinità di lezioni sul web, ho preferito offrire, in un certo senso, un insegnamento meno macchinoso che lascia aperte più soluzioni creative.

Le creatività non ammette troppe regole. Spero ti sia di stimolo.

I colori nella grafica

Una riordinata al “cassetto degli attrezzi” ogni tanto fa bene. Riposti e dimenticati da tempo riaffiorano a suggerirci non solo un modo più agevole di fare le cose ma a volte perfino a stimolare nuove idee. Così succede coi colori, veri e propri strumenti della grafica. Spezziamo la routine allora e scopriamo come usare in modo migliore i colori nella comunicazione grafica

I colori sono strumenti della comunicazione

È così che dovrebbero essere intesi o, meglio, come un insieme di strumenti nelle proprie infinite varianti di luminosità, saturazione (vivacità) e armonie (combinazioni di colori diversi).

Questo articolo vuole proporre una spiegazione teorica seguita da alcuni esempi pratici di uso del colore nella comunicazione grafica.

Foto di Felix Dubois-Robert su Unsplash

L’importanza del colore nella grafica e non solo

Il mondo non è in bianco e nero. Conoscere i colori e il come metterli assieme aiuta a comprendere la realtà o ad usarla per migliorare la comunicazione grafica e artistica in generale.

È facile individuare qualcuno che non ha molta dimestichezza nell’uso del colore: tende a usare sempre gli stessi e tende a creare degli abbinamenti sempre molto prudenti ed equilibrati.

Si assiste così al sopravvento delle “mode” che sono un sostituto nel vestire, nella grafica, nell’architettura ecc. alla reale capacità compositiva.

Di solito chi non padroneggia bene i colori esprime delle preferenze come “il rosso non mi piace”, giudizio che va tradotto con “il colore rosso non lo so usare”.

Ma se dovessimo comunicare nel modo più efficace e diretto, non dovremmo avere “colori preferiti” ma dovremmo saper associare a un preciso messaggio un preciso colore o armonia.

Così come un falegname per fare un preciso intaglio sceglie una determinata lama, il pubblicitario o il grafico, se vuole comunicare un preciso concetto, deve saper scegliere il colore giusto o l’armonia giusta.

Un professionista della grafica non ha un colore preferito. Un professionista ha il suo set di attrezzi e sceglie quello giusto per quel preciso lavoro.

Un percorso che proseguirà poi con le opportune scelte grafiche, tipografiche e di stampa per produrre un lavoro finito professionale.

Il logo in senso stretto non è pubblicità ma partendo da questi esempi è più facile evincere il senso dell’uso del colore nel messaggio. Le banche usano di solito uno o due colori ma vi sono dei casi un po’ più originali dove si osa aggiungere un po’ di vivacità come negli archi del logo Intesa Sanpaolo il cui intento è forse quello di rendere più amichevole e un po’ meno “business” il messaggio aziendale. Azzurro e verde scuro dominano col loro senso di fiducia e stabilità ma l’accostamento di rosso col nero è anch’esso ritenuto un messaggio di solidità magari con una tocco di aggressività (verso il mercato?) in più.

Colori nella grafica. Colori singoli e armonie

Allora, come associare il colore giusto al lavoro che stiamo facendo? Sì, l’avrai già sentita: il blu significa affidabilità, l’azzurro spiritualità, un certo tipo di verde è collegato a prodotti relativi alla medicina e alla salute, il rosso è passionale e potente, il nero è esclusivo e lussuoso…

Tutto giusto ma piuttosto limitante e vorrei perciò andare un po’ oltre, provando a esplorare delle armonie: insiemi di colori valutati nel loro assieme.

Lo farò senza tante chiacchiere ma con degli esempi dai migliori professionisti.

Troverete alcune soluzioni che pur applicando i principi di base sanno uscire dagli schemi e proporre qualcosa che colpisce e suscita interesse. Procediamo quindi.

Gli esempi

Tra le agenzie pubblicitarie che più mostrano maestria, scelte temerarie ma allo stesso tempo producono lavori sempre pervasi da un elevato senso di razionalità nell’uso del colore, vi è Hornall Anderson.

Mi piace la loro grafica e penso abbiano qualcosa da insegnarci. Ecco alcuni loro lavori.

colori nella pubblicità - esempi

Colori caldi per prodotti e servizi legati al mondo del cibo e in particolare alla panificazione. Una scelta abbastanza prudente. In questo primo esempio HA non si è sbilanciato molto devo dire ma è solo l’inizio della mia carrellata.
colori nella pubblicità - esempi

Qui si fa più interessante. I prodotti medici e i servizi di ricerca fanno spesso uso di questo tipo di verde. La trovata più interessante è l’abbinamento a questo fondo nero che dà un forte senso di analisi scientifica e precisione tecnica. E, se vogliamo esaminare la cosa anche più a fondo, non si tratta di un nero qualsiasi ma un nero “caldo” che accentua il contrasto coi colori verdi freddi.

Il violetto, essendo un colore praticamente complementare al verde dei carciofi non fa altro che enfatizzare il prodotto e il suo senso di freschezza

I prodotti bio usano il verde, gli altri, i modo piuttosto insolito per il prodotto in questione, usano il blu. Mi permetto di giudicare la scelta di questo blu un po’ discutibile ma l’esempio è ugualmente esplicativo di come il colore sia usato per creare una netta distinzione.
colori nella pubblicità - esempi

5 prodotti diversi dello stesso brand. Notare come il minimo comune denominatore sia strettamente mantenuto dalla grafica a triangoli mentre completamente diversi sono i colori. Caldi e “famigliari” per il cibo per cani, quelli del vino e dello yogurt di mirtilli rafforzano il senso del prodotto mentre per l’acqua l’azzurro, simbolo di purezza e freschezza, è un classico.

Altri esempi

Per evitare di essere giudicato un “adepto” di Hornall Anderson, ecco alcuni altri esempi raccolti sulla rete.

Il bianco è purezza, naturalezza, normalità. Campagna Real Beauty – Dove. Senso enfatizzato dal contrasto con le carnagioni che fanno da giusto contrappunto coi diversi toni di “rosa-marrone”.

Femminile al 100%. Maschi vietati. Forse il rosa è il colore più femminile che esiste nel nostro immaginario anche se sono state di moda magliette rosa per i maschi fino a qualche anno fa. Ma l’associazione col giallo e l’azzurro riesce quasi a capovolgere quel significato rendendolo assai più trasgressivo di quanto tradizionalmente lo si intenda.

Un azzurro-grigio patriottico desaturato. Accostamento molto prudente, volutamente istituzionale e conservatore a esprimere valori tradizionali.

Il verde Heineken col rosso del logo capaci di piazzarci un gradevole pugno in faccia e creare un brand dove il senso del colore prevale sugli elementi grafici

I colori nella grafica. Conclusioni

Abbiamo esaminato diversi casi e potremmo continuare.

Qual è il modo più semplice di trovare un’armonia? Tirando le somme, grazie agli esempi appena visti, una volta trovato il giusto colore dominante (trovato o imposto dal brand o dallo stile pre-esistente), affiancarle un secondo o un terzo simile od opposto.

Non dovremmo essere troppo schematici e logici: potremmo provare a capovolgerne o intensificarne il significato tradizionale di un colore.

Ognuno degli esempi indicati ha un colore che fa da padrone, che determina la sensazione generale e ne usa altri che ne fanno da contrappunto o da complemento, spesso in modo inaspettato e che amplificano la sensazione principale.

Le armonie hanno di solito un colore dominante, questo crea un certo dinamismo ed esprime il significato portante o serve a indirizzare l’attenzione.

Perciò è corretto cavalcare l’uso del colore nel suo stretto significato ma l’aggiunta di un elemento estraneo potrebbe essere efficacissimo nel creare interesse su qualcosa che potrebbe risultare altrimenti troppo scontato.

Il rosso sembra più rosso se vi associamo un pizzico di azzurro o verde. Il giallo più giallo se è vicino al viola o al blu, ecc. Associando colori vicini od opposti della ruota dei colori accentuiamo o riduciamo l’effetto.

Più che darti una precisa equazione colore = sensazione, di cui si può trovare una infinità di lezioni sul web, ho preferito offrire, in un certo senso, un insegnamento meno macchinoso che lascia aperte più soluzioni creative.

Le creatività non ammette troppe regole. Spero ti sia di stimolo.

Ricordati di condividere l'articolo se ti è piaciuto:

Sullo stesso argomento:

© Carlo Gislon – Se vuoi usare gli articoli del mio blog cita l’autore (Carlo Gislon) e inserisci un link al mio articolo originale. Fare altrimenti viola le leggi sul copyright e può essere perseguito legalmente. Articoli copiati possono essere facilmente rintracciati.