Scrivere un testo promozionale persuasivo

8 anni fa  •  Di  •  2 Commenti

Scrivere un testo promozionale persuasivo non è molto difficile.

Certo, l’arte dello scrivere non si impara in un giorno o con qualche lezione. Ci vuole una buona preparazione di base e anni di pratica per scrivere un testo che sia coinvolgente, che tenga il lettore incollato e che alla fine crei interesse. Ci sono però regole facili che possono essere messe subito in pratica per migliorare qualsiasi testo promozionale in modo che crei domanda per prodotti e servizi. Vediamole.

Stabilire un obiettivo

Cosa deve fare la persona dopo che ha letto il messaggio? Deve acquistare il prodotto? Deve telefonare? Deve partecipare ad un seminario? Deve inviarvi un coupon? Deve acquistare? Stabilite un obiettivo realistico e fate il resto del lavoro di conseguenza. La comunicazione ne risulterà più incisiva. Se provate a parlare a qualcuno volendo che vi risponda, vi risponderà.

Elaborate un’offerta specifica

È preferibile perdere qualche minuto e mettersi ad elaborare un’offerta adeguata al tipo di pubblico cui ci stiamo rivolgendo. Può trattarsi di un singolo prodotto, di un singolo servizio, di un evento, di un seminario. Parlate di una sola cosa alla volta, non offrite più servizi o prodotti contemporaneamente. Potete immaginare e progettare una serie di depliant economici, uno per prodotto anziché uno che raccolga un po’ di tutto. Alla lunga è anche più pratico e meno dispendioso.

Se vi rivolgete a pubblico nuovo, create, invece, qualcosa che parli dell’attività in generale. Dovete far conoscere voi stessi prima di far conoscere i vostri prodotti ma non continuate a mandare tale presentazione alle stesse persone.

Non cercate di spiegare

La promozione non serve a dare spiegazioni, quello lo fanno i manuali. Perché il pubblico capisca il valore del vostro prodotto dovrebbe avere il vostro livello di cultura sul soggetto. È impossibile. Casomai si potrebbe dire che la promozione serve  affinché qualcuno ci chieda delle spiegazioni. Bene, ma allora cosa è necessario dire innanzitutto? Semplicemente spiegate di cosa si tratta, in termini di vantaggi per il cliente cercando di usare un linguaggio semplice ma professionale.

Promettete quello che potete consegnare, niente di meno

Qual è il massimo livello di qualità che potete raggiungere? Qual è il massimo del servizio che potete consegnare? Promuovete quello. Niente  di meno. Spiegate perché vale. Non sminuitevi, non siate prudenti. Poi fatevi in quattro per dare quello che avete promesso.

Offrite delle garanzie

Mostrate certificati, titoli di studio, anni di esperienza, aziende famose per cui lavorate, esempi di successo. Date delle garanzie di rimborso.

Dite chi contattare e come

Mettete ben in chiaro chi contattare e come e rendete molto semplice la cosa. Se date un numero di telefono o un e-mail assicuratevi che ci sia qualcuno che risponde subito e sappia bene cosa rispondere. Se affidate il lavoro a qualcuno assicuratevi che lo faccia con grande competenza e che sfoggi un’assoluta dimestichezza col servizio. Se fate attendere è probabile che trovino qualcun altro.

Siate costanti

Al di là di tutte le “acrobazie” di marketing che si possano fare, la semplice persistenza ripaga sempre.

Supponiamo che vi siate procurati un elenco di nominativi, indirizzi di aziende, mailing list, o che abbiate già un elenco di potenziali acquirenti e che abbiate elaborato un testo perfetto per una lettera od un depliant e che l’abbiate spedito. Potrete ottenere qualche risposta con la prima spedizione. La stragrande maggioranza non risponderà. Potrebbero semplicemente essere distratti, non essere interessati in questo momento al servizio, non averne capito il valore.  Sarebbe un errore interrompere la promozione verso di loro perché un piccolo barlume di interesse ha già cominciato a svilupparsi. Se smettete dovrete ricominciare il lavoro da capo.

Continuate, senza esagerare, a spedire regolarmente la vostra presentazione o il vostro depliant o la vostra lettera o a fare la vostra telefonata. Con una frequenza che voi stessi sareste in grado di tollerare e vedrete che alla fine le persone risponderanno. Alcuni  dopo qualche settimana, altri dopo qualche mese, altri dopo qualche anno. D’altronde perché non dovrebbero?

——————————-

Viviamo in momenti economici difficili, possiamo produrre di tutto in abbondanza, cose di cui tutti hanno bisogno e di cui vi è richiesta ma allo stesso tempo vendere non è facile. La risposta che si ottiene alla promozione è molto più bassa rispetto a quella di una decina di anni fa. Ma questo non è un motivo per non promuovere e arrendersi a un siffatto sistema, casomai per promuovere di più, magari in maniera più economica. Sono sicuro che troverai questi consigli essenziali e di grande efficacia.

 

Print Friendly, PDF & Email

Commenti 2

  1. Sono consigli utilissimi. Bravo! Anche per la qualità della tua scrittura, per la correttezza e precisione, piuttosto rari.
    • Carlo Gislon - administrator
      Grazie ancora. In basso all'articolo trovi il link per iscriverti al blog e i pulsanti per condividerlo in rete.