Progetti grafici

editoriali e pubblicitari. Gusto, equilibrio e originalità oltre i soliti cliché. Studio collane e periodicità, immagine coordinata, grafica pubblicitaria, stand…

Il progetto grafico secondo lo studio Carlo Gislon…

  • Idea creativa generale
  • Stile e composizione grafica
  • Considerazioni su versioni multilingua
  • Struttura dei contenuti
  • Conversioni nei formati digitali

  • Supporti e tecniche di stampa

Progetto grafico. Perché?

Forma, organizzazione… e, soprattutto, comunicazione. A volte, forse, possiamo procedere ad intuito, a tentativi, a volte, serve un progetto grafico definito

Idealmente, un lavoro editoriale o pubblicitario deve basarsi su un progetto grafico. Un progetto grafico è essenzialmente forma e organizzazione ed è tanto più importante quanto più sono complessi i contenuti.

Un servizio di progettazione grafica mira a produrre un “modello”. Scelta del formato pagina, definizione dei caratteri tipografici, rientri, elementi grafici, gabbia, ecc… servono a delimitare spazi e funzioni in modo simile a un disegno architettonico.

A questo si aggiunge un fattore estetico o di stile che aiuta a rendere il lettore partecipe, interessato e a comunicare la sensazione del brand.

Il progetto grafico rappresenta il fil rouge, la guida per tutti i grafici che lavoreranno sulla rivista, sulla collana o su un progetto pubblicitario di ampio resprio. Tale “modello” non è una prigione ma porta ordine, determina una struttura e aiuta il lettore a familiarizzarsi.

progetto grafico stand fieristico. Massima attenzione all'immagine coordinata

progetto grafico immagine coordinata

Il progetto grafico nel dettaglio

Dietro una buona grafica c’è sempre un progetto grafico. Magari bisogna solo immaginarselo o intuirlo ma c’è sempre

Fase di studio iniziale

Esame dettagliato del brand oppure dell’editore nelle sue intenzioni generali e studio dell’immagine coordinata se ben definita o dello stile consolidato del committente.

Studio del soggetto e di esempi concorrenti. Briefing, riunioni, appunti generali, bozze, proposte di massima.

Organizzazione dei contenuti

Il progetto grafico è una questione di organizzazione dei contenuti che possono essere complessi e articolati come in una rivista, o pochi come in una pagina pubblicitaria.

Progettare il design di una rivista o di un libro senza conoscere in modo preciso qualità e quantità dei contenuti è come progettare una casa senza chiedersi quante camere o bagni debba avere o quanti metri quadri debba risultare o quante persone vi andranno ad abitare.

Elementi di progettazione grafica generali

Formato pagina, margini, gabbia. Valutazione dello spazio bianco e dello stile generale: minimalista, massimalista, vivace, sobrio, sofisticato, trasgressivo, professionale…

Colonne di testo per le pagine principali, per le rubriche, per le pagine di servizio (nel caso di riviste). E poi le intestazioni e i pié pagina.

La declinazione deve fare apparire ogni sezione distinta ma al contempo figlia di un filo conduttore generale.

Scelta dei caratteri tipografici

La scelta di un carattere è in relazione allo stile generale e cerca sempre di offrire un senso di personalità e coerenza al prodotto finito.

Nel progetto grafico possono essere necessarie diverse famiglie di caratteri con diversi stili da sfruttare sempre con in mente un messaggio complessivo e un’idea coordinata.

Scelta di altri elementi di stile

Capolettera, cornici di box e immagini. Colori fondamentali e dello stile delle forme in generale soprattutto nei progetti per riviste e manuali. In definitiva, quale deve essere, innanzitutto, lo stile editoriale, il tono o taglio da dare? Se esiste già la rivista o la collana, cosa va cambiato o migliorato in un restyling?

Progetto grafico copertina. Creatività ma anche organizzazione degli elementi, creazione immagine principale

Se hai trovato la pagina interessante, condividila

Progetti grafici

editoriali e pubblicitari. Gusto, equilibrio e originalità oltre i soliti cliché. Studio collane e periodicità, immagine coordinata, grafica pubblicitaria, stand…

Il progetto grafico secondo lo studio Carlo Gislon…

  • Idea creativa generale
  • Stile e composizione grafica
  • Considerazioni su versioni multilingua
  • Struttura dei contenuti
  • Conversioni nei formati digitali

  • Supporti e tecniche di stampa

Progetto grafico. Perché?

Forma, organizzazione… e, soprattutto, comunicazione. A volte, forse, possiamo procedere ad intuito, a tentativi, a volte, serve un progetto grafico definito

Idealmente, un lavoro editoriale o pubblicitario deve basarsi su un progetto grafico. Un progetto grafico è essenzialmente forma e organizzazione ed è tanto più importante quanto più sono complessi i contenuti.

Un servizio di progettazione grafica mira a produrre un “modello”. Scelta del formato pagina, definizione dei caratteri tipografici, rientri, elementi grafici, gabbia, ecc… servono a delimitare spazi e funzioni in modo simile a un disegno architettonico.

A questo si aggiunge un fattore estetico o di stile che aiuta a rendere il lettore partecipe, interessato e a comunicare la sensazione del brand.

Il progetto grafico rappresenta il fil rouge, la guida per tutti i grafici che lavoreranno sulla rivista, sulla collana o su un progetto pubblicitario di ampio resprio. Tale “modello” non è una prigione ma porta ordine, determina una struttura e aiuta il lettore a familiarizzarsi.

progetto grafico stand fieristico. Massima attenzione all'immagine coordinata

progetto grafico immagine coordinata

Il progetto grafico nel dettaglio

Dietro una buona grafica c’è sempre un progetto grafico. Magari bisogna solo immaginarselo o intuirlo ma c’è sempre

Fase di studio iniziale

Esame dettagliato del brand oppure dell’editore nelle sue intenzioni generali e studio dell’immagine coordinata se ben definita o dello stile consolidato del committente.

Studio del soggetto e di esempi concorrenti. Briefing, riunioni, appunti generali, bozze, proposte di massima.

Organizzazione dei contenuti

Il progetto grafico è una questione di organizzazione dei contenuti che possono essere complessi e articolati come in una rivista, o pochi come in una pagina pubblicitaria.

Progettare il design di una rivista o di un libro senza conoscere in modo preciso qualità e quantità dei contenuti è come progettare una casa senza chiedersi quante camere o bagni debba avere o quanti metri quadri debba risultare o quante persone vi andranno ad abitare.

Elementi di progettazione grafica generali

Formato pagina, margini, gabbia. Valutazione dello spazio bianco e dello stile generale: minimalista, massimalista, vivace, sobrio, sofisticato, trasgressivo, professionale…

Colonne di testo per le pagine principali, per le rubriche, per le pagine di servizio (nel caso di riviste). E poi le intestazioni e i pié pagina.

La declinazione deve fare apparire ogni sezione distinta ma al contempo figlia di un filo conduttore generale.

Scelta dei caratteri tipografici

La scelta di un carattere è in relazione allo stile generale e cerca sempre di offrire un senso di personalità e coerenza al prodotto finito.

Nel progetto grafico possono essere necessarie diverse famiglie di caratteri con diversi stili da sfruttare sempre con in mente un messaggio complessivo e un’idea coordinata.

Scelta di altri elementi di stile

Capolettera, cornici di box e immagini. Colori fondamentali e dello stile delle forme in generale soprattutto nei progetti per riviste e manuali. In definitiva, quale deve essere, innanzitutto, lo stile editoriale, il tono o taglio da dare? Se esiste già la rivista o la collana, cosa va cambiato o migliorato in un restyling?

Progetto grafico copertina. Creatività ma anche organizzazione degli elementi, creazione immagine principale

Se hai trovato la pagina interessante, condividila

[fusion_widget_area name=”avada-custom-sidebar-pagesidebar” padding_top=”0px” padding_bottom=”0px” margin_top=”0px” margin_bottom=”0px” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” /]